RINGRAZIO DI CUORE LE LETTRICI CHE HANNO DESIDERATO
RINGRAZIARE (Lettere al Direttore) IL DIRETTORE
DEL GIORNALE DI BRESCIA
PER "LA BELLEZZA NEL QUOTIDIANO" 
 

6 settembre 2021
A BIANCA BROTTO GRAZIE PER LE PILLOLE DI AMORE PER LA VITA

(Giornale di Brescia, Lettere al Direttore, 6.9.21)
 
Ringrazio il direttore del Giornale di Brescia per la pubblicazione settimanale delle pillole di saggia dolcezza della scrittrice Bianca Brotto , che seguo sempre con piacere ed attenzione.

Le definisco pillole perché sono brevi e profonde, vere, positive, divertenti e universali : ognuno di noi si può specchiare nei diversi personaggi e nelle diverse situazioni con incredibile coinvolgimento.
 
La scrittrice riesce a mostrarci il bello nelle azioni che quotidianamente compiamo , e che a volte , presi dalla fretta e dalla distrazione , compiamo in modo automatico senza soffermarci ad "annusare" la gioia e il potere positivo di ciò che facciamo.
 
Trovo che questi scritti siano portatori di gioia e sorrisi per chi li legge , pregni di amore per la vita e per tutto ciò che alla vita ...dà vita.
 
Grazie a Bianca Brotto e grazie al Giornale di Brescia per queste belle pagine che ci accompagnano con vera dolcezza e attenzione.
 
Elena De Vincenzi
Brescia
 
 

18 aprile 2021
CON LE PAROLE DI BIANCA IN CASA ENTRA ANCHE LA BELLEZZA DELLA VITA

La ringrazio per aver incluso nel suo giornale la rubrica “La Bellezza nel quotidiano” di Bianca Brotto che ogni settimana ci porta in casa la Bellezza della parola e della vita.
 
Mai come in questo periodo storico la comunità ha bisogno di ritrovare fonti interiori di fiducia, speranza e serenità.

In quanto psicologa riconosco l’utilità e la necessità di comunicare emozioni e di ispirare le persone attraverso immagini, intuizioni, racconti e, personalmente, ritrovo ogni settimana spunti di questo genere negli scritti di Bianca Brotto.
 
In particolare nel leggere il pezzo di sabato scorso “Arrendersi a quel che comunque arriva”, una strana bellezza è arrivata al mio cuore: la Bellezza della Verità.
 
 
Questa Bellezza ha sfiorato il mio volto con delicatezza e l’ha girato nella direzione in cui avrei da sempre dovuto andare, se solo l’avessi scelto.
 
Ma io non sceglievo, Direttore, non sceglievo per paura e, così facendo, mi condannavo ad una vita colma di paura.
 
Poi ho letto la storia di Anna e qualcosa è esploso dentro di me facendomi, forse, arrivare al magico punto di “fine corsa”.
 
Nel leggere l’articolo, infatti, il mio treno ha subito un brusco arresto e tutto d’un tratto mi sono accorta di aver sprecato tempo prezioso di vita, di aver rinunciato a tanto amore e di essermi crogiolata per anni nella gioia inespressa.
 
Ho poi osservato ciò che mi aveva reso “viva” e “felice” e che avevo perso, ho chiaramente visto gli errori commessi e, finalmente, li ho accettati con la resa onorevole e incondizionata del guerriero che ha dato tutto se stesso.
 
Spero un giorno di riuscire ad arrivare dov’è arrivata Anna affinché il dolore vivo e pungente che, talvolta, ancora riesce a togliermi il respiro, possa rappresentare il mio più grande alleato per una vera rinascita.
 
Grazie ancora Direttore, il suo giornale è una preziosa fabbrica di parole che, quando scritte per mano di persone come Bianca Brotto che affidano la propria penna ad un volere superiore, toccano in profondità i cuori di chi le legge.

Luisa Poli
Salò


31.3.21
IL BELLO E IL BUONO FANNO BENE ANCHE A CHI LEGGE


Sento il bisogno di ringraziare la Signora Bianca Brotto per il suo contributo settimanale, almeno per due motivi:
- la scrittura lieve, poetica, precisa e
- la positività del messaggio che porta.


Di questi tempi non è poco e non è facile.

Siamo tutti portati al lamento, alla critica a destra e a manca, al pessimismo, al pensiero negativo, e poter leggere una bella pagina, ricca di serenità e di spinta verso l’Alto, è davvero un ristoro per l’anima.

Grazie, Signora Brotto, per il dono che ci fa.
 
Quando vedo il suo nome sono subito bendisposta alla lettura, perché so di mettermi in ascolto di una persona interiormente ricca, che crede in quanto scrive perché lo vive.

Immagino che la vita non l’avrà sempre risparmiata, ma lei non si sente in dovere di scaricare i suoi crucci sugli altri, preferisce regalare messaggi che aiutino a sorridere e sperare.

Io benedico persone come lei e mi auguro che crescano di numero perché sempre, ma soprattutto oggi, il mondo ne ha grande bisogno.

 

 

LEGGI GLI ARTICOLI